Skip to content
Uccelli Esotici

Usignolo

Usignolo

È possibile che tu non l’abbia mai notato, ma sicuramente quando hai fatto una passeggiata attraverso una foresta, o attraverso la tua città, hai visto un usignolo. Sono uccelli molto sfuggenti e adorano restare nascosti, ma non è difficile trovarne uno.

Un uccello molto caratteristico

All’interno delle diverse specie di uccelli, l’usignolo è  uno dei più apprezzati dagli amanti del pollame grazie alla sua canzone armonica.  Tuttavia, forse il suo più grande svantaggio è che non tutte le specie di usignolo possono essere assunte come animali da compagnia.

La cosa più normale è trovare il comune usignolo in libertà, la specie più diffusa all’interno della famiglia luscinia,  caratterizzata da un piumaggio bruno rossastro. Un colore che a prima vista non lo rende speciale, ma è facile distinguerlo  e renderlo bello. Quando sta volando, è possibile rilevare che le aree interne sono grigie e che ha un’area bianca nella gola. Il suo becco è solitamente dello stesso colore del piumaggio, con la mascella più bassa.

Puoi differenziare il maschio dalla femmina?

La verità è che può diventare difficile. Seguendo lo stesso schema degli altri uccelli,  alcuni esemplari di usignolo possono essere differenziati dalla femmina perché ha colori più tenui o mancano di un colore particolare.

Tuttavia, il modo migliore per conoscere il sesso di un usignolo è attraverso un test del DNA, dal momento che scrutare i suoi genitali può costare molto, essendo un uccello estremamente nervoso quando viene tenuto.

Quanto vive solitamente un usignolo?

L’usignolo è un uccello che non si rivela abbastanza longevo. La cosa normale è che vive  tra 9? 12 anni , ma in cattività, a causa della scarsa cura che riceve nella maggior parte del tempo,  non supera i 5 anni .

Tuttavia, è un’aspettativa di vita media, dal momento che altri esemplari possono vivere più a lungo come una specie di uccello che se sono destinati a vivere in cattività.

Non puoi avere l’usignolo come un uccello domestico?

In alcuni paesi è assolutamente proibito avere l’usignolo come un uccello domestico, poiché è un’abitudine abituata alla libertà. La frase per avere un usignolo in cattività può essere una multa alta e persino la prigione.

Tuttavia, è possibile avere un esemplare in cattività quando è destinato alla riproduzione o se si dispone di permessi speciali. Anche se ci sono molti tipi di usignoli che sono destinati come uccelli domestici, come nel caso dell’usignolo del Giappone. Quindi se stai cercando un usignolo come animale domestico, dovresti provare uno di questi.

Se ottengo un usignolo, cosa devo sapere sulla tua cura?

Nel caso di ottenere un usignolo domestico, le loro cure non differiscono molto da quelle di un canarino o di un parrocchetto. Hanno bisogno di una grande gabbia, che sia rettangolare o quadrata, perché sottolineano le forme ovali e scatolari.  Con barre che non hanno più di 0,5 mm di separazione tra loro per evitare che possano mettere la testa tra di loro.

Sono uccelli molto attivi, quindi all’interno della gabbia dovranno avere dei trespoli o rami naturali (evitare i ganci di plastica a tutti i costi), con alcuni giocattoli . È meglio che un usignolo abbia un compagno della stessa specie in modo che non si senta solo nella gabbia.

La gabbia deve essere sempre posizionata alla stessa altezza degli occhi, con due delle pareti della gabbia attaccate al muro su cui è appeso. Evita balconi, cucine e gallerie a tutti i costi. È meglio trovarlo in salotto o in camera da letto. Inoltre,  devi cercare la zona in cui il sole non dà tanto, allo stesso tempo che non ci sono così tante correnti d’aria che possono far sì che l’uccello prenda il raffreddore.

Puoi prendere un usignolo dalla sua gabbia?

È vero che ci sono molti uccelli che possono essere rimossi dalle loro gabbie quando vengono addestrati, e persino averli vivendo in libertà. Tuttavia,  non è il caso di ciò che può essere fatto con un usignolo.

Questo uccello può prendere confidenza con il suo padrone, ma non abbastanza da non cercare di fuggire in un mondo più grande? di quello che ha dietro un muro di sbarre. Quindi se provi a fargli mangiare dalla tua mano,  stai molto attento se decidi di portarlo fuori, perché è molto probabile che proverà a decollare.

Nel caso in cui sia sfuggito, avrai bisogno di pazienza per rimetterlo nella gabbia. Chiudi tutte le finestre e le porte in modo da non uscire dalla stanza. Non cercare di afferrarlo con le mani, perché questo ti renderà più nervoso. La cosa migliore è che metti del cibo che ti piace molto nella sua gabbia per tentarlo e che ritorna da solo.

Cosa mangia un usignolo?

L’alimentazione di un usignolo è composta in particolare da  insetti molli e di piccole dimensioni, come ad esempio larve, vermi, ragni o piccoli scarafaggi . Sono loro a dar loro la caccia, quindi dovrai lasciarli sul pavimento della gabbia in modo che sia lui a dar loro la caccia.

Puoi anche mangiare alcuni  semi e frutti , purché piccoli e ben tagliati in modo che non li costi a masticarli con il loro becco. Ma se vuoi mantenerlo in salute, devi dargli degli insetti, è il modo migliore per nutrirti.

Anche l’acqua è molto importante. Cambialo un paio di volte al giorno in modo da avere sempre acqua fresca. La cosa migliore è che la tua ciotola d’acqua è una di quelle che resistono dall’esterno, impedendoti così di avere una via di fuga.

Quante volte devi pulire la tua gabbia?

Uno dei problemi principali di avere un usignolo come animale domestico, è che nutrirsi di insetti è la pulizia della loro gabbia molto importante. L’usignolo non mangerà l’intero insetto, ma lascerà lì, quindi  dovrai pulire la gabbia un paio di volte a settimana.

https://youtu.be/piNusjeR-jo

Disinfetti bene l’area del vassoio, per evitare che appaiano parassiti che vengono ingeriti dal tuo usignolo o che possono attaccare le penne. Anche le barre della gabbia sono importanti per disinfettarle con un po ‘di candeggina. Per evitare problemi con il pavimento del vassoio, è meglio usare lettiere per gatti o una sabbia speciale per facilitare la pulizia.

Il comportamento dell’usignolo

Dal momento che l’usignolo è un uccello così spaventoso, ti costerà molto per guadagnare la tua fiducia. Ovviamente non è impossibile, specialmente negli esemplari destinati alla prigionia. La cosa migliore è avere un uovo che sta per schiudersi, in modo che l’usignolo abbia l’impronta del tuo viso e quindi ti consideri come la sua “madre”.

Ma nel caso di ottenere una copia giovane, è quando la tua pazienza sarà messa alla prova. È un uccello abbastanza attivo all’interno della gabbia e a cui piace cantare molto. Anche se il suo canto può essere abbastanza armonioso, può anche essere molto pesante , dal momento che canta durante le ore del giorno e talvolta anche di notte, il che può essere un fastidio.

Non è un uccello che si adatta molto bene con gli esseri umani, e la cosa più normale è che quando lo vedi apparire nella stanza è nascosto da qualche parte nella gabbia che hai scelto. Quindi, per farti apprezzare un po ‘,  è meglio andare in gabbia e dire qualche parola ogni giorno, finché non ti abitui alla tua voce e alla tua presenza.

In nessun momento dovremmo dimenticare che l’usignolo è un uccello migratore, motivo per cui è considerata una crudeltà e un crimine avere alcuni membri di questa specie in cattività. Quindi, prima di averne uno, devi essere sicuro che sia un uccello che sarà in grado di sopportare i cambiamenti di temperatura. Pensa che la migrazione si svolge in inverno alla ricerca di climi più caldi. L’arrivo di un cambiamento di temperatura così improvviso, senza poter emigrare, potrebbe significare la fine del tuo usignolo. Quindi tienilo a mente.

Quando vengono allevati gli usignoli?

L’usignolo  inizia a riprodursi con l’inizio della primavera , per questo motivo alcuni lo considerano come “l’inserzionista dell’arrivo di questa stazione”. All’inizio di questo, i maschi emettono una canzone molto armoniosa che può essere ascoltata solo di notte. I giovani imparano questa canzone quando sentono gli adulti. Quindi, l’usignolo attira una femmina per eseguire il rituale dell’accoppiamento.

La femmina è colei che costruisce il nido, in cespugli e aree nascoste dove non c’è troppa altezza. Ci metteranno da  5 a 6 uova di un colore simile a quello delle olive . Dopo l’incubazione, per circa 20? 25 giorni Quando hanno completato 12 giorni di vita, è tempo di lasciare il nido.

Nel caso della loro riproduzione in cattività, avranno bisogno di una scatola di legno o di un capanno. Questi possono essere acquistati presso qualsiasi negozio di animali specializzato. Non devi innervosirti perché un pulcino impiega più tempo di un altro per nascere, dal momento che la femmina depone un uovo al giorno ed è normale che il giorno dopo riposino dalla deposizione. Questa differenza di tempo fa nascere i pulcini con un giorno o due di differenza.

Quando hanno completato tre settimane di vita, devi separare i pulcini dai genitori in un modulo separato. In esso, in un primo momento dar loro da mangiare con pasta da riproduzione, e a poco a poco si introducono gli insetti nella loro gabbia, in modo che si abituino a mangiare qualcosa di più coerente.

Perché gli usignoli sono così apprezzati?

La verità è che gli usignoli sono un uccello che ha già molta storia. In alcuni paesi sono considerati come un simbolo di amore, mentre in altri, è un uccello che serve per identificare l’arrivo della primavera.

Ad esempio, in Francia, nella contea di Nizza, è stato conservato il suo usignolo che vola nei confini tradizionali e nei round di maggio. Inoltre, questo uccello ha ispirato il musicista Chaikovski a comporre il suo opus 10-2. Per non parlare del fatto che lo scrittore John Keats ha composto un Ode.

Quali sono le malattie che un usignolo può soffrire?

Poiché l’usignolo non è un uccello così forte, e non è abituato a vivere in ambienti più freddi, non è strano che possa soffrire di qualche malattia. Tra i più comuni c’è:

  • Coryza infettiva:  è prodotta dal batterio chiamato haemophilus gallinarum. L’uccello inizia a mostrare starnuti e suppurazione degli occhi e dei seni. Ciò può causare la perdita della visione degli uccelli. Tipicamente, è una tipica malattia dei polli e dei galli, ma può anche colpire gli uccelli da gabbia.
  • Depressione:  Poiché l’usignolo è un uccello nato per vivere in libertà, ad eccezione di alcuni esemplari, è molto probabile che presenti sintomi di depressione quando è nella gabbia i primi giorni. La cosa migliore in modo che non ti senti depresso è che hai un compagno nella gabbia, così che insieme puoi vivere felicemente.
  • Frattura:  è piuttosto raro che un usignolo rompa una zampa o un’ala, ma non è impossibile che accada. Soprattutto se è un uccello così attivo, un brutto movimento può provocare una frattura. In questi casi, è meglio portarlo dal veterinario a occuparsi immediatamente della frattura.
  • Stitichezza o freddo:  ricorda che l’usignolo non è abituato alle basse temperature, quindi se la gabbia si trova in una zona con molte correnti d’aria, prima o poi finirai per costipazione. In questi casi devi portarlo in un luogo più caldo e mettere alcuni antibiotici nell’acqua.
  • Diarrea:  Non è affatto male che vuoi dare frutti al tuo usignolo. Tuttavia, se il cibo è molto ricco di fibre, è possibile che l’uccello finisca per soffrire di diarrea. Ricorda, d’altra parte, che la diarrea può anche essere un sintomo di un’altra malattia. Quindi quando inizi a controllare di averlo, portalo rapidamente dal veterinario per un controllo.
  • Encefalomielite:  questo è prodotto da un picornavirus, e in particolare attacca i giovani esemplari. È una delle malattie più comuni nel pollame domestico. Presenterà tremori, un movimento esitante e progressiva paralisi in alcune parti del corpo. Non esiste una cura, quindi l’animale dovrebbe essere sacrificato. La cosa normale è che se l’uccello è vaccinato, questo non influisce su quali saranno i suoi discendenti.
  • Epilessia:  potrebbe non sembrare una malattia abbastanza comune negli uccelli, ma può accadere. È una malattia che paralizza l’usignolo durante un certo periodo di tempo. Non ha cura.
  • Stitichezza:  nello stesso modo in cui il tuo usignolo può soffrire di diarrea, puoi anche soffrire di stitichezza. Questo potrebbe essere il sintomo di un’altra malattia, quindi prova un paio di giorni per dargli una dieta morbida. Se non funziona, portalo rapidamente dal veterinario.
  • Parassiti:  Poiché l’usignolo si nutre soprattutto di piccoli insetti, non sorprende che i parassiti possano apparire all’interno della sua gabbia. Per questo motivo, pulire la gabbia è importante. Nel caso di avere parassiti interni, l’usignolo perderà l’appetito e lo noterai come depresso. Se sono esterni, proverà a strappare le penne con il suo becco per eliminare il prurito che sente. In entrambi i casi, devi portarli dal veterinario per raccomandare un antibiotico.
  • Obesità: non  importa quanto sia attivo un usignolo, se ha una buona gabbia in cui ha molto spazio per muoversi o volare un po ‘, assumerà peso. E questo non è salutare per l’uccello. Completa il tuo cibo con alcune vitamine nell’acqua, controlla il tuo peso e acquista una gabbia abbastanza grande in modo da poter volare quanto vuoi.
  • Paralisi:  puoi scoprire che il tuo usignolo trova difficile eseguire alcuni movimenti che dovrebbero essere molto semplici per lui. Questo perché quella parte del corpo è paralizzata. È un segno che ti mancano alcune vitamine nella tua dieta.

Dovremmo sapere qualcosa prima di avere un usignolo come animale domestico?

Anche se sembra l’idea migliore al mondo di avere un usignolo come animale domestico, non dimenticare che prima di tutto devi avere alcune cose presenti:

  • In alcuni paesi è assolutamente vietato avere alcune specie di usignoli come animali da compagnia, quindi controlla quali si possono avere all’interno di una gabbia prima di passare attraverso il negozio di animali.
  • Il modo migliore per farti credere a un usignolo è acquisire un uovo che sta per schiudersi. Questi puoi ottenere da un allevatore professionista. Quando l’usignolo nasce e ti vede, la tua immagine sarà incisa, che ti aiuterà ad avere fiducia in te.
  • In natura, una delle principali cause di morte di questi uccelli è la caccia di animali come i gatti. Quindi se hai gatti a casa, non dovresti mai lasciarli fuori dalla loro gabbia. È vero che alcuni gatti non sono così “violenti”, ma non puoi correre il rischio di ferire il tuo usignolo, giusto?
  • La sua canzone è armonica, ma se si sente molto sola è possibile che canta durante la notte e può essere un grande fastidio.
  • Potrebbe essere un uccello che cerca di scappare dalla sua gabbia in diverse occasioni, quindi compra una gabbia con le sbarre vicine e non avere lo spazio per scappare. Inoltre, non comprare gabbie in cui il trogolo e la fontanella hanno una porta che si apre, o cercano di fuggire e potrebbero rimanere bloccati e morire.