Skip to content
Uccelli Esotici

Talégalo de Nicobar

Molte specie non sono studiate perché ci sono pochi esemplari. Tuttavia, questo non è sempre stato colpa dell’essere umano. Nel caso del tallegale di Nicobar, è stato ridotto dai fenomeni naturali.

Qual è il tuo habitat?

Questa specie è chiamata  megapodius nicobariensis  ed è una specie della famiglia megapodiidae, nel genere del talégalos che  popola alcune delle isole Nicobar in India.

Questa specie  si trova esclusivamente nelle isole di Nicobar,  e dal 2004  è nella situazione di vulnerabili , si ritiene che lo tsunami verificatosi in quell’anno abbia potuto annientare la popolazione in alcune isole e ridurla in altre.

Che aspetto ha?

È una specie di taglia media che misura tra 3335 cm . Non presenta dimorfismo sessuale, quindi l’unico modo per differenziare il maschio dalla femmina è attraverso le dimensioni. Generalmente , questi sono un po ‘più piccoli del maschio .

Il suo piumaggio è marrone e ha una coda. Come il resto dei membri della famiglia megapodius , ha i piedi molto grandi che gli permettono di correre lunghe distanze in un tempo molto breve . I suoi tarsi sono privi di coda e hanno il dorso, che gli consente di afferrare meglio gli oggetti.

La sua coda ha dodici piume. La sua testa è grigiastro e ha un pileo bruno-rossastro, con una caruncola rossastra nella zona del viso che circonda gli occhi. Sembra che i maschi abbiano sfumature più scure delle femmine , che nella parte inferiore sono più grigiastre. Tuttavia, questo non è sempre lo stesso nella sottospecie.

Gli esemplari più giovani hanno i loro volti completamente ricoperti di piume, mentre i pulcini appena nati hanno una coda piccola simile a quella delle pernici, con la presenza di una lista rossa nella zona della schiena.

Sono state riconosciute due sottospecie:

  • Megapodius nicobariensis nicobarensis:  che si trova nelle isole centrali di Nicobar.
  • Megapodius nicobariensis abbotti:  risiede nelle isole meridionali di Nicobar.

Qualche informazione interessante sulla specie?

La verità è che non sai molto bene come questa specie potrebbe raggiungere l’isola. Come succede al resto dei membri della sua famiglia, lei è un cattivo volatore ma un ottimo corridore. Per questo motivo si ritiene che potrebbero essere introdotti dai nativi che sono venuti sull’isola e che sono stati in qualche modo addomesticati dalla gente del posto . In effetti, in alcune parti dell’isola ci sono ancora persone che lavorano con questi uccelli per addomesticarli.

Nel suo habitat, questa specie risulta essere abbastanza discreta. Durante il giorno si muove attraverso la giungla, mentre di notte partono dalle coste. Di solito si spostano in coppia o in piccoli gruppi.  Questi gruppi possono essere composti da uccelli di diverse spezie. Se sono disturbati, preferiscono scappare, anche se possono finire per cercare di volare se sono molto nervosi. Una curiosità su questo uccello è il contatto che fanno con le chiamate che sembrano risate.

È una specie onnivora che fugge per trovare il suo cibo in diversi tipi di suolo. Si compone di semi del tipo macaranga peltata, insetti, lumache, crostacei e rettili. Possono anche mangiare la ghiaia per aiutare il loro stomaco a fare la digestione . In alcune occasioni sono stati anche visti bere acqua piovana.

Costruisci grandi cumuli per la nidificazione, vicino alle coste, composto da sabbia corallina, conchiglie e materiale vegetale che può marcire facilmente. Sono costruiti su terreno aperto o accanto a registri. La stagione di deposizione delle uova avviene tra febbraio e maggio.  Il maschio può accoppiarsi con più di una femmina, anche se ci sono stati casi di alcuni individui che in ogni stagione degli amori lo fanno solo con una femmina.

La femmina depone da quattro a cinque uova per tumulo, sebbene siano stati registrati casi fino a dieci . Quindi i tumuli vengono rivestiti e le uova vengono incubate per circa 70-80 giorni.  I pulcini sono già nati con le piume e una volta asciugati possono volare. Poiché gli esemplari adulti si recano sulle coste di notte, i piccoli possono unirsi agli adulti poco dopo essere nati.