Skip to content
Uccelli Esotici

Rendilo Cuvier

È incredibile quanto sia espanso il genere galliforme. Sei sicuro di conoscerli tutti? Perché sono sicuro che non hai mai sentito parlare del taligalo di Cuvier, giusto?

Una specie di Idonesia

Questo uccello, che si chiama talegalla cuvieri, fa parte della famiglia dei megapodiidae ed è endemico in Indonesia. Il suo nome scientifico commemora lo zoologo francese Frédéric Cuvier.

Questa specie si trova nella zona occidentale della Nuova Guinea e nelle isole vicine . Di solito vive nelle giungle della pianura di Doberai, nelle montagne del Sudirman occidentale, nell’isola di Misool e in alcuni isolotti nella provincia del Papua Occidentale.

Che aspetto ha?

È un grande uccello all’interno della sua famiglia, che può misurare circa 57 cm di lunghezza . La cosa normale è che la femmina è un po ‘più piccola e meno pesante del maschio. Il colore delle sue penne è quasi interamente nero, ma ha una parte facciale nuda con una caruncola giallastra.

La parte superiore della testa è coperta da una serie di piume nere. In vista, entrambi i sessi hanno un aspetto simile, non presentando dimorfismo sessuale come succede ad altri membri della loro specie. Sono state riconosciute due sottospecie:

  • Talegalla cuvieri cuvieri: la sottospecie nominale trovata a ovest di Papua e nella Nuova Guinea nordoccidentale.
  • Talegalla cuvieri granti: risiede nella zona occidentale della Nuova Guinea.

Come vivono nella libertà?

La verità è che la tua vita in libertà può essere piena di conflitti quotidiani. Sebbene possa essere una specie che vive in piccole comunità con altri membri della stessa specie , la sua natura territoriale causa molti scontri, specialmente tra i maschi.

Contrariamente a quanto accade con altre specie di uccelli, il maschio è colui che si occupa di fare il nido sul quale la femmina ha depositato le uova. Questo tumulo, che può raggiungere un metro di altezza e un diametro di cinque metri , viene scavato nel terreno e costruito nel modo migliore che il maschio considera. Inoltre, è coperto da una serie di materiali che possono decomporsi e garantirne il mantenimento per quasi un anno.

Quando arriva il momento della riproduzione, lo stesso maschio può accoppiarsi con la stessa femmina, proprio come una femmina può essere fecondata da diversi maschi. Dopo l’accoppiamento, il maschio guiderà la femmina verso il suo nido, dove deporrà le uova . Quindi la espelle e ripete il processo con un’altra femmina, con un totale di trenta uova nel nido.

Riempio il nido, lo chiuderò con un materiale residente, come l’humus, e sarà un mese fino a quando i pulcini non nasceranno. In nessun momento il maschio o la femmina si avvicinano al nido per incubare le uova, ma lascia che sia la luce del sole a farlo. Dopo il mese, nasceranno i pulcini che si occuperanno di entrambi i genitori.