Skip to content
Uccelli Esotici

Piccioni

Decine di piccioni possono essere visti per strada ogni giorno. Alcuni li temono, altri li adorano e infine alcuni decidono di avere un piccione como animale domestico. Ma è semplice mangiare alle cure e prendersi cura di un piccione?

Tipi di piccioni

¿ Come sono esattamente i piccioni ?

I piccioni sono stati strettamente legati agli umani per molti anni. Con i suoi  32 cm di lunghezza , dal becco alla coda e un  peso di 0,35 kg ., Questo animale è stato usato come piccione viaggiatore, come simbolo di pace e come fedele compagno per gli esseri umani.

È un  animale il cui comportamento è solitamente calmo . La cosa più normale è che quelli visti nelle città sono il colombaccio, una specie che si ritiene essere in pericolo a causa delle molteplici croci che ha subito nel corso degli anni.

 

Piccioni

 

Nonostante sia un animale che non risponde alle minacce degli umani, non si può dire lo stesso di altri animali. Avendo del cibo in mezzo, sono molto violenti l’uno con l’altro o con altri piccoli uccelli, come i pulcini. Ciò ha causato un forte declino in alcune specie di alcuni uccelli, compresi i piccioni stessi.

Molti credono che abbiano anche un carattere molto “pesante”, perché quando qualcuno li nutre, gli piace seguire quella persona alla ricerca di più cibo o andare nella zona in cui l’hanno nutrita per ottenere più cibo. Per questa ragione erano proibiti in molte città per nutrirli.

 

¿ È consigliabile sollevare più piccioni insieme?

In alcuni paesi, come gli Stati Uniti, i piccioni vengono allevati dalle loro nascite su colombaie che si trovano su alcuni edifici. Anche se questi negli ultimi anni stanno scomparendo.

All’inizio, i piccioni cresciuti in cattività di solito non hanno la violenta sensazione di ferire altri compagni quando cercano di procurarsi del cibo. Tuttavia,  alcune specie di colombi hanno un gene dominante , quindi non sorprende che mescolando entrambe le specie finiscano l’una di fronte all’altra.

Ma non solo lotta per il cibo. Due piccioni maschi possono finire uno di fronte all’altro per cercare di confrontare una femmina. Allo stesso modo, due piccioni femmine potrebbero combattere per attirare l’attenzione di un singolo maschio. Quindi devi scegliere molto attentamente il sesso del piccione prima di metterli insieme in una gabbia.

¿ Come puoi distinguere il sesso da un piccione ?

Non tutti gli uccelli sono così facili da distinguere. Nel caso dei piccioni, ciò che deve essere fatto è guardare i genitali. Ad esempio, le femmine hanno l’uscita dell’ovidotto sinistro simile a una bocca scanalata di grosso diametro, specialmente se hanno precedentemente deposto un uovo. Nel caso dei maschi, hanno due piccoli picchi rossi nella zona, da 1 a 3 mm di lunghezza.

Ma dopo aver deposto le uova, è possibile determinare il sesso dei giovani. Un esempio è che la maggior parte delle volte, il primo uovo messo dalla femmina è un maschio, con una percentuale di successo non superiore al 50 %. Se l’uovo è più appuntito a un’estremità, significa che è maschio . Il motivo è che essendo il primo la dilatazione della cloaca costa di più, ecco perché ha quella forma caratteristica.

Nel caso di avere un piccione e non conoscerne il sesso da parte degli organi genitali, puoi  unire le due dita della fine . Nel caso in cui questi sono uguali significherebbe che è una femmina, ma se sono di lunghezza diversa, significherà che è un maschio.

Quando sono pulcini è un po ‘più facile differenziare il loro sesso. Secondo gli esperti, dopo sette giorni di vita  i piccioni più tondi sono femmine a causa della loro “sessualità”.  Ma il trucco più famoso è aspettare che il pulcino abbia tre o quattro settimane. Il piccione viene posto sulla mano, tenendogli le gambe, e il piccione viene delicatamente teso dal becco. Nel caso di alzare la coda, è una femmina, ma se il basso è che è un maschio. Questo sistema ha un tasso di successo del 99% rispetto ad altri metodi.

Vedere la forma del tuo corpo e il tuo comportamento ti aiuta anche a scoprire che cosa è il tuo sesso . Come nella maggior parte degli uccelli, i maschi sono un po ‘più grandi delle femmine, hanno un corpo più robusto e una forma della testa diversa. Inoltre, il suono che i maschi fanno è più lungo e aprono la coda a semicerchio nella stagione degli amori, mentre le femmine gonfiano il loro piumaggio. Ma per quanto riguarda il comportamento, i maschi spesso beccano le teste delle femmine, il che aiuta a distinguerle quando sono in un grande gruppo.

¿ Come dovrebbe essere la gabbia dei piccioni  ?

 

 

Idealmente, il piccione dovrebbe essere allevato in una piccionaia, ma non tutti hanno abbastanza spazio per farlo. Quindi devi allevarli in una gabbia o in una colombaia in base ai moduli nel caso tu voglia avere diversi uccelli. Anche se, se si dispone di un ampio giardino, è possibile costruire un grande loft a casa per poter avere tutti gli uccelli all’interno.

Nel caso di un singolo piccione, sarà sufficiente una gabbia 60 × 50, 50 × 50 nel caso di un piccione. Dovrebbero avere abbastanza spazio in modo che possano muovere le ali. Anche se hai abbastanza spazio, un loft di 100 × 60 è meglio così puoi muoverti all’interno.

Piccioni

 

 

Se avete intenzione di dedicarsi all’allevamento, il loft è grande abbastanza per  avere un appartamento per i piccioni siano allevamento, piccioni, un terzo per i maschi che sono stati vedove e uno per le femmine.  Così evitano scontri e problemi con pulcini mentre sono in crescita.

È necessario posizionare entrambe le griglie che separano i diversi compartimenti, nonché con il pavimento e le pareti. Le griglie non dovrebbero avere buchi molto grandi. Non è che i piccioni stanno andando via per fuggire, ma se il materiale di questo non è molto buono, se saranno in grado di strapparlo a poco a poco con le gambe per cercare di fuggire.

Una volta scelta la colombaia, dobbiamo iniziare a decorare l’interno in modo che il piccione si senta a suo agio all’interno. Sono necessari molti ganci, perché i piccioni amano appollaiarsi su di loro. La cosa migliore è rimuovere quelli che entrano nella gabbia, poiché non sono di ottima qualità, e comprare  un pesce persico piatto di 6 cm di lunghezza, un altro di tessuto di corda di circa 2 cm di diametro e diverse grucce di legno.  Tutti questi ganci devono trovarsi a diverse altezze, in modo che il piccione possa esercitarsi all’interno del piccione. In nessuna circostanza andrebbe posto all’interno di specchi o oggetti che possano riflettere, poiché ciò danneggia seriamente la visione dei piccioni e li rende molto nervosi.

Vicino alla gabbia, nel caso in cui il piccione trascorrerà molto tempo all’interno, è necessario installare un filtro ionizzatore e aria, che contribuirà a raccogliere le polveri sottili che i piccioni espulso e può irritare i polmoni di persone a contatto con questi uccelli nel suo loft.

I piccioni sono un animale che  vive a temperature calde, tra 18 e 24 gradi, o 65 e 75ºF.  Pertanto, dovrai installare un dispositivo che ti permetta di controllare la temperatura dell’area in cui si trova il piccione, in modo che non muoia congelato o caldo. Quando arriva l’estate, una piccola fontana può essere installata all’interno della colombaia in modo che il piccione possa rinfrescarsi. Se ci sono molti piccioni nella piccionaia, allora devi averne almeno due. Ma se i piccioni sono addestrati, possono essere portati fuori e rinfrescati da soli nella fontana del giardino, quindi restituiti alla gabbia da soli.

La scelta di avere  la gabbia all’esterno è la migliore , ma se sei a casa o fuori, è consigliabile coprire il pavimento con un giornale o qualcosa di simile per facilitare il compito di pulire la base del sottotetto. .

Decidere che i piccioni si riproducono è difficile, poiché ciò richiederà la costruzione di un nido. Ci sono molti tutorial in rete, e puoi persino trovare nidi artificiali, ma è meglio dare ai piccioni tutto ciò di cui hanno bisogno all’interno della piccionaia in modo che possano posizionarli da soli. Per rendere il compito più facile, all’interno del loft ci dovrebbero essere alcuni mattoni, dato che ci sarà dove metteranno il loro nido.

Il canale di colata deve essere grande , installato all’esterno della gabbia e con una grande capacità in modo che il piccione abbia sempre a disposizione acqua. Anche se dovrai cambiare l’acqua molto spesso, specialmente in estate, dato che i piccioni non amano l’acqua calda.

¿ Dove collocare la colombaia ?

Individuare un uccello come un piccione può essere un vero mal di testa. Se ne hai uno solo, devi metterlo in una stanza tranquilla dove nessuno ti disturberà. Devi lasciare acqua e cibo per tre settimane e andare di tanto in tanto per vedere come è, ma senza manipolarlo o infastidirlo, perché sono facilmente stressati dall’essere in un ambiente sconosciuto. Dopo questo periodo, è possibile che tu possa già stabilire un contatto diretto con lei.

Già abituato ad essere umano, è meglio metterlo in una stanza in cui è fatta la vita sociale, in modo che interagisca con l’ambiente. Deve essere in una zona dove al mattino dona leggermente i raggi del sole ma è anche una zona calda di notte in modo che non si raffreddi, perché una delle principali cause di morte di questi animali nella morte per congelamento.

A tutti i costi dobbiamo  evitare di posizionarli vicino a lampade o televisori , perché, come la maggior parte degli uccelli, i bagliori che questi dispositivi emettono sono dannosi per gli occhi e questo potrebbe far diventare violento il piccione. Nel caso di avere altri animali, dobbiamo prestare particolare attenzione affinché il piccione sia a portata di mano. Sì, ci sono molti piccioni che vanno d’accordo con cani e gatti, ma di solito sono casi in cui il piccione ha avuto contatto con l’animale sin dalla sua nascita. Tuttavia, per acquisire un campione di maggiore età, è meglio essere prudenti.

Nel caso di pensare di installare una colombaia all’esterno, cerca solo un’area che non sia né troppo calda al mattino né troppo fredda di notte. Assemblare il loft, dargli i giocattoli necessari in modo che possa divertirsi dentro e pronto. Evita le aree di luce come le lampade per esterni o quelle che si trovano vicino alle strade, perché il rumore del traffico può renderti nervoso. È meglio optare per il giardino sul retro.

Cosa si nutrono i piccioni?

Molti credono erroneamente che i piccioni si nutrano di briciole di pane. Una cattiva abitudine creata dagli umani quando si alimentano questi animali nel parco. Ma la verità è che questa è l’ultima cosa che questi uccelli dovrebbero mangiare.

I colombi domestici di solito  devono essere nutriti con una miscela di diversi tipi di cereali, legumi e semi oleosi , sebbene possano essere forniti anche altri tipi di cibo. Come regola generale, i piccioni mangiano  circa 30 gr. grano quotidiano , una quantità che può aumentare durante la stagione riproduttiva, sia nel cibo che nell’acqua. Devi stare particolarmente attento con la quantità, dal momento che i piccioni tendono a ingrassare rapidamente, quindi devi pesare la quantità di cibo per essere giusto e necessario.

Come tutti gli animali, i piccioni  richiedono una dieta quotidiana , nella giusta quantità. Ma nel caso in cui non può essere alimentato quotidianamente, è meglio costruire un piccolo sistema di alimentazione con il quale il piccione mangia la giusta quantità giorno dopo giorno all’interno del loft.

Piccioni

 

Tieni presente che i piccioni attraversano molte fasi durante la loro vita, specialmente se sono cresciuti con altri uccelli della stessa specie, il che richiede che in ogni momento di questo sia dato un cibo speciale per quella fase. A volte non è facile, come ad esempio nel caso dei pulcini. I pulcini di solito sono separati dai genitori o dalle balie per avere 25 giorni, più o meno. È qui che iniziano a nutrirsi dei loro primi grani. Il problema è che sono molto vulnerabili, quindi è necessario facilitare l’accesso a feeders e bevitori, in modo che possano trovare facilmente il posto dove nutrirsi. È possibile che durante i primi giorni tu debba aiutarli a mangiare se si vede che non lo fanno da soli, in modo che possano imparare.

Ora, che tipo di cibo devi dare ai piccioni?

Cereali: il  grano è l’alimento base di questi uccelli, con un valore nutrizionale del 76%. I chicchi di grano devono essere grossi, dando uguale il loro grasso, avendo un colore rossastro. In tempi in cui il piccione ha un sacco di usura è consigliabile scommettere su questo tipo di cibo.

Il dari dovrebbe essere il secondo della lista, con un valore del cibo dell’80%. È anche conosciuto come sorgo ed è uno degli alimenti preferiti dai piccioni. Naturalmente non dobbiamo dimenticare uno degli alimenti che aiuta di più i piccioni; l’orzo. Con un valore nutrizionale del 74%, questo alimento aiuta la digestione e il riposo del sistema digestivo. Deve essere pesante e corto. È anche buono alimentarlo con l’avena, con un valore nutrizionale del 63, 50%, poiché i suoi minerali li aiutano a rimanere in salute, oltre ad essere convenienti per i periodi di riposo degli uccelli. Di tanto in tanto è anche bene alimentarli con un po ‘di riso per il suo valore nutrizionale dell’82%.

Legumi:  Sebbene i legumi non possano essere la base per nutrire i piccioni, sono necessari poiché sono ricchi di albumine, una sostanza che trasforma e sviluppa i muscoli e le penne dei piccioni. Sono particolarmente necessari durante la crescita dei pulcini.

Fagioli e piselli, con un valore nutrizionale superiore al 70%, sono proprio ciò di cui hanno bisogno per aiutare l’evacuazione, specialmente se si comprende che il piccione è stitico. Di tanto in tanto è bene dare da mangiare all’uccello con uno di questi alimenti per aiutare il sistema digestivo a funzionare correttamente.

Nel caso di scegliere il carrubo per nutrire il piccione, dobbiamo scegliere quelli che sono grigi, a causa delle sue piccole dimensioni. Anche se possono anche essere date una piccola dimensione media. Le lenticchie sono anche molto buone per il loro valore nutrizionale del 73,6%. La cosa migliore è che sono di colore marrone o scuro, poiché sono quelli che portano più nutrienti al corpo.

Semi oleosi: in  realtà, questo tipo di cibo dovrebbe essere usato come integratore e non come alimento, dal momento che un consumo eccessivo di questo può influenzare il fegato del piccione. Ma è importante per il suo grande valore nutrizionale.

La cannabis, la colza e il lino sono tra quelli che possono essere somministrati ai piccioni, con un valore nutritivo superiore al 30%. Tutti questi devono essere dati in piccole quantità, dal momento che i piccioni non li mangiano molto bene, nonostante siano sani per loro. Consumare molto può causare problemi digestivi come la diarrea. È anche bene dare loro alcuni semi di girasole, ma i chicchi sono striati e di piccole dimensioni.

Come dovrebbe essere distribuito il mangime dei piccioni?

Come precedentemente affermato,  l’alimentazione dei piccioni dipenderà dallo stadio della loro vita in cui si trovano. Se il piccione è un nuovo arrivato , o è un piccione, devi mescolarlo in un 1 kg. 25% di legumi (specialmente piselli, carruba e lenticchie), oltre al 30% di mais, 25% di frumento, 5% di orzo e 15% di dari. Tutto questo ben miscelato deve essere alimentato nella giusta quantità (non superiore al 30% al giorno).

Come avranno bisogno di oleaginose per rimanere in salute, devi dargli il 5% di questi con il cibo. Una volta che i piccioni sono cresciuti un po ‘ , con 10 giorni, i legumi possono essere aumentati al 40% della quantità totale, ma se è in via di svezzamento il meglio è che non supera il 25% del totale.

Alla fine dell’estate, inizieranno con il cambio di piuma, la  loro dieta dovrebbe essere composta dal 25% di legumi (in particolare fagioli e piselli) con il 65% di cereali (corrispondenti al 30% al mais, al 25% al ​​grano e un 10% di radice) e il 10% di semi oleaginosi come il girasole.

Ma  quando l’inverno è finito , qual è la fine della tua muta, la tua dieta dovrebbe essere composta da 10% di legumi, 80% di cereali e 10% di semi oleosi. In questo periodo dell’anno è meglio dar loro da mangiare una volta al giorno.

Quali altri alimenti possono essere dati ai piccioni?

È vero che non è consigliabile dare da mangiare ai piccioni come pane, ma c’è un’altra serie di alimenti che sono molto buoni per i piccioni, per i loro nutrienti e minerali.

Uno di questi sono verdure. Nel loro stato naturale i piccioni sono granivori, ma mangiano anche verdure. In questo caso la sua alimentazione è basata su foglie, steli teneri e qualche bocciore che inizia con il loro becco. Tenendoli in cattività, bisogna dare loro almeno una volta alla settimana delle verdure teneri che sono state precedentemente tritate. La cosa più normale è dar loro da mangiare con  lattuga  o  carote  grattugiate, perché sono le più facili da digerire. Inoltre, aiutano a prevenire i vermi e l’indebolimento degli occhi.

L’  aglio , che è sempre stata considerata un alimento con molteplici benefici per il corpo, è anche molto buona per i piccioni. Grazie al suo alto contenuto di sodio, zolfo ed etere aiuta a prevenire problemi cardiaci, polmoni, pressione sanguigna e lotta contro i parassiti. Cioè, devi solo dare loro uno spicchio d’aglio, ben tritato, una settimana. Al massimo due.

Il  limone , che è di solito non altamente raccomandato per molti animali, se è per i piccioni. Soprattutto devi fornirlo quando il piccione è malato, dal momento che la vitamina C che contiene aiuta a combattere la stanchezza, raffreddarsi o combattere qualche malattia. È meglio spremere il limone nell’acqua perché i piccioni lo bevano.

Il  miele  completa questo elenco degli allegati cibo per piccioni. È uno dei rimedi più efficaci per curare le malattie nei piccioni, soprattutto quando soffrono di problemi alla gola o ai bronchi. È un alimento che dovrebbe essere dato ai piccioni durante tutto l’anno, in piccole quantità, specialmente durante la stagione della muta, in modo che le loro piume sembrino brillanti.

Malattie dei piccioni

Che il piccione si ammali non significa che sia un povero caregiver, dal momento che alcuni possono avere una malattia ereditaria o averlo intrappolato? per un virus. I piccioni più comuni possono avere:

  • Paramyxovirus:  è un virus che infetta i piccioni. Uno dei sintomi principali è che i piccioni bevono molta acqua, mentre mangiano pochissimo. I loro escrementi sono acquosi e col passare del tempo le ali e le gambe sono paralizzate. Di solito camminano all’indietro e presentano cecità. È un’infezione mortale per i piccioni.
  • Salmonellosi:  è anche nota come paratifosi. Il piccione soffre di un’infezione intestinale, anche se vengono colpiti anche altri organi come il fegato oi reni. Colpisce in particolare i pulcini appena nati che soffrono di crescita ritardata o assottigliamento.
  • Tricomoniasi:  A causa di questa malattia i piccioni perdono la loro vitalità, avendo poca voglia di volare. I loro escrementi sono acquosi e le loro gole sono arrossate. È una malattia che può colpire sia i piccioni adulti che i pulcini. Nel caso di quest’ultimo, viene rilevata un’infezione di obbligo in cui si formano degli ascessi che possono diffondersi ai loro organi interni.
  • Ascaridiosi:  durante la malattia i piccioni possono presentare eiezioni di diversa consistenza. L’appetito all’inizio della malattia aumenterà, ma diminuirà progressivamente a causa dei vermi che avrà dentro. Quindi devi aiutarla a espellerli.
  • Il vaiolo:  i sintomi che un piccione può soffrire della malattia dipenderanno dal modo in cui viene presentato. Se è nella forma? Quint ?, Il vaiolo si sviluppa dal passaggio della pelle esterna alla mucosa nella zona degli occhi e del becco, ma può verificarsi anche nelle gambe. È necessario evitare a tutti i costi rimuovere questi vaiolo.
  • Rinite contagiosa:  il pennacchio comincia a starnutire e subisce la fuoriuscita di un liquido nasale che nei casi più gravi può essere viscoso e giallo-marrone. A poco a poco perderai l’appetito e il desiderio di bere acqua. Non cambierà la pelle e non volerà. Inoltre, il piccione si gratterà la testa e il naso, mantenendo il becco aperto. Se la malattia è avanzata, i suoi depositi avranno un colore biancastro.

È consigliabile lasciare il piccione in giro per casa?

Decidere se lasciare il piccione libero o no in casa è una decisione importante. Sono animali molto spaventosi e, sebbene si siano abituati ad essere imparentati con le persone, potrebbero non essere molto bravi a muoversi in casa.

A causa delle sue grandi dimensioni  non è così facile come liberare un pappagallino o altri piccoli uccelli . Potrà sentirsi sopraffatta dal non avere abbastanza spazio per muovere le sue ali attraverso i corridoi nella stanza. Se verrà rimosso, è meglio stare fuori, ma con un piccolo cordone che lo lega al suo proprietario in modo che non sfugga, poiché all’inizio è possibile che cerchi di fuggire.

Vincere la fiducia dei piccioni è una questione di tempo, quindi devi essere molto paziente.

Dipingi e metti un anello sul piccione?

Generalmente,  il dipinto sulle piume dei piccioni è un simbolo che i piccioni hanno partecipato a qualche concorso , anche se ci sono molti proprietari che decidono di dipingerli un po ‘in modo che possano essere distinti dagli altri, perché decidono che li lascia liberi di durante il giorno per relazionarsi con altri uccelli e quindi esercitare. È una buona idea se decidi di lasciarla volare libera attraverso la città o la campagna.

Ora è la parte successiva: l’anello. L’anello è solitamente usato per identificare i piccioni di un numero , sebbene possa anche servire per informare che hanno un proprietario. Devi lavare il piccione quando sono pulcini, tra i 6 e gli 8 giorni di vita. Per fare questo, le tre dita frontali devono essere unite, vengono inserite all’interno della bocca dell’anello e passate delicatamente senza danneggiare la gamba dell’animale. Il piccione crescerà già con l’anello alla sua gamba e difficilmente farà attenzione ad esso.

Gli anelli possono essere un  simbolo di riconoscimento dei piccioni molto utile per più novizi  che hanno deciso di avere diversi a casa. Come regola generale, l’informazione dell’anello ha l’identificazione dell’allevatore e l’anno di nascita dello stesso, ma comprando colori diversi puoi differenziare i maschi dalle femmine o decidere quale sarà per concorso, per allevamento o per avere semplicemente in cattività.

Quali sono i passi da seguire per addestrare un piccione?

Allenare un piccione non è impossibile, ma richiede un lavoro costante. Soprattutto se quello che stai cercando è partecipare alle competizioni.

Per iniziare l’allenamento devi aspettare il cambio della prima piuma d’ala primaria.  Con questo, puoi iniziare l’allenamento. La prima cosa è volare per un chilometro, accompagnato da un altro piccione che è già volato in precedenza. Devi ripetere questo processo più volte fino a quando non puoi farlo da solo.

Piccioni

 

Completato il primo passo del tuo allenamento, è il momento di raddoppiare la distanza, fino a due chilometri. Sebbene sia già abituata a volare da sola, è bene accompagnarla con un altro piccione o gruppo di piccioni. Con la terza volta, devi aumentare la distanza di 5 chilometri, di nuovo potendo andare da solo o accompagnato. In questo modo, devi aumentare la distanza, sempre il doppio della precedente,  finché non puoi percorrere 100 chilometri .

Il numero di volte che percorri la stessa distanza è secondo i criteri del tuo allenatore . Alcuni piccioni imparano velocemente e non hanno bisogno di ripetere la stessa distanza più volte. Ma quando sono lunghe distanze, la cosa migliore è che si abituano poco a poco, e soprattutto che la prima volta sono accompagnati in modo da avere una guida nel percorso.

C’è un trucco per avere successo? Secondo gli esperti del settore, è necessario soddisfare una serie di requisiti:

  • Un mese prima di iniziare l’allenamento, il piccione deve aver iniziato a volare nel sottotetto, circa 10 minuti al mattino e altri 10 minuti nel pomeriggio, senza fermarsi.
  • Successivamente, nei 15 giorni successivi al mese di questo esercizio, è necessario aumentare il tempo di volo fino a 30 minuti al mattino e al pomeriggio.
  • Essendosi già abituati a questo momento di fuga, è quando si deve aprire la colombaia affinché i piccioni possano volare. Devi dar loro da mangiare quando tornano.
  • I momenti migliori per rilasciare i piccioni sono al mattino, alle 7 del mattino, mentre nel pomeriggio è meglio essere verso le quattro del pomeriggio. Puoi variare le ore, ma sono i momenti migliori della giornata in modo da poter uscire e volare.

Accoppiando i piccioni, cosa c’è da sapere?

Anche se la cosa migliore per due piccioni da accoppiare e avere figli è lasciarli a loro spontanea volontà, se vogliono? Manipolare? un po ‘il processo, ci sono alcuni trucchi che possono essere utilizzati.

La prima cosa è scegliere un maschio e una femmina che non abbiano difetti che potrebbero peggiorare la razza. È necessario verificare che siano ben condotti con Vermidel S per i loro interni e con negubon per gli interni. Dare anche 1/8 del tablet Decuazol. Una volta pronti, dovrebbero essere introdotti in una gabbia separata quando mostrano segni di accoppiamento, come il maschio che insegue la femmina o si accarezzano l’un l’altro.

Devi preparare un nido per il maschio e un’altra per la femmina. Quando compaiono i primi segni di? Zelo? devi mettere la femmina nel nido del maschio. Se ha avuto successo, dopo 8 giorni di accoppiamento, metterà il primo uovo.

Il piccione nascerà dopo 18 giorni , ed è ora di iniziare a lavorarci. Una volta che ha 8 giorni deve essere squillato,  per differenziarlo dal resto. Una volta che i 22 giorni sono finiti, devi iniziare ad abbassarlo a terra al mattino e riportarlo al nido nel pomeriggio. Da 23/24 giorni, il piccione deve imparare a mangiare solo dall’alimentatore, con un piccolo aiuto dal suo allevatore, perché può continuare a cercare la madre da nutrire. Lo stesso giorno è bene caricarlo sul tetto del soppalco o della casa in modo da conoscere tutto ciò che ti circonda.

Piccioni

 

Con 25 giorni è il momento di separarlo dal loft dei loro genitori e metterlo nei piccioni, che sarà durante il giorno. Nel pomeriggio deve essere restituito al loft dei suoi genitori, in modo che lo aiutino a nutrirsi. Ma se l’animale è già in grado di nutrirsi da solo, può essere spostato definitivamente nel loft del piccione.

Tra i 30 ei 35 giorni di vita il piccione deve essere in grado di partire da solo attraverso la finestra della colombaia e tornare quando lo desidera. Più o meno è qui quando devi iniziare a valutare l’allenamento di questo uccello.