Skip to content
Uccelli Esotici

Ara con gola blu

Non importa quanto ti innamori di questo uccello, dovrai mettere da parte il tuo desiderio di averla come compagna a casa. Eppure, cosa si perde per scoprire qualcosa di più sull’aquila dalla gola blu?

Cosa possiamo dirti di questo uccello?

Conosciuto con il nome scientifico di ara glaucogular , appartiene alla famiglia dei pappagalli ed è endemico delle pianure di Moxos nel nord della Bolivia , dove è noto come la barba blu. Anche se è stato detto che potrebbero esserci anche esemplari in Paraguay e in Cile , è qualcosa che oggi viene messo abbastanza in discussione.

A causa della forte domanda per gli ultimi 30 anni di questo tipo di averlo come un animale domestico, le loro popolazioni sono esauriti , lasciando circa 350 copie distribuito e sta vietati la cattura e vendono esso .

All’interno della famiglia dei pappagalli, è la maggior parte nomi ricevuti in quanto sono noti anche come guacamayo gola blu, ara blu e giallo (non per essere confuso con il azulamarillo Guacamayo), caninde, guacamayo canide, guacamayo gola blu e una lunga eccetera di nomi.

E come sta questo uccello?

Si potrebbe dire che è uno dei più grandi esemplari della famiglia degli Ara, poiché misura tra i 95 ei 105 centimetri e il suo peso è in genere di circa 800 grammi . Non presenta dimorfismo sessuale, quindi è abbastanza complicato differenziare il maschio dalla femmina senza un test del DNA.

La sua schiena ha un tono blu come quello della schiena , mentre la coda guadagna un tono celestiale mentre si avvicina alla fine di esso. La sua pancia è gialla . Alcuni lo confondono con l’Ara Ararauna, ma la grande differenza è che nella gola ha un ampio barbiere blu turchese , mentre nell’altra è nero e meno esteso. La sua parte anteriore è blu e ha una regione senza piume bianche.

Sembra che sia un uccello che non presenta molti problemi alla presenza dell’essere umano o ad altri uccelli, quindi si potrebbe dire che si tratta di un uccello a rischio di estinzione, che ha causato molti problemi nella caccia illegale per la sua successiva vendita con negozi.

Non è possibile averlo come un uccello domestico?

Essendo un uccello con un alto rischio di estinzione, non puoi scegliere di averlo come uccello domestico . Coloro che hanno le loro case sono allevatori esperti che hanno ottenuto i permessi appropriati per garantirne la continuità riproducendo alcuni esemplari per estendere la fauna della stessa, anche se sembra che senza molto successo.

Per cominciare, è una specie nomade , a differenza di altri uccelli, che rende difficile stabilire un buon habitat per questi uccelli. La sua stagione riproduttiva va da ottobre a dicembre , in coincidenza con la stagione delle piogge, e sembra che siano uccelli monogami che passano l’intera vita con la stessa coppia.

I nidi sono fatti all’interno di tronchi d’albero secchi , creando una cavità con i loro becchi. La femmina è colei che si occupa dell’incubazione delle uova per una media di 30 giorni (da due a tre uova), mentre il maschio è colui che lo nutre. Dopo quel tempo, i pulcini trascorrono circa tre mesi nel nido con la madre, finché imparano a volare e infine lasciano il nido per esplorare altre aree della casa o trovare il loro partner.