Skip to content
Uccelli Esotici

Gufo comune

In tutte le specie di uccelli ce n’è uno che spicca sopra tutti gli altri. Anche se, nel caso del gufo comune, la sua fama è perché è la variante della sua specie che viene distribuita più in tutto il mondo.

Dove vivi?

Riceve il nome scientifico di strix aluco ed è un rapace di medie dimensioni che vive solitamente nelle foreste dell’Eurasia e in alcune aree dell’Asia centrale e orientale.

Può essere trovato in foreste decidue e miste , e talvolta in piantagioni di conifere mature, preferendo più aree con disponibilità di acqua. È interessante notare che, grazie a luoghi come giardini, cimiteri e parchi, è stato possibile espandersi in aree urbane, come nel centro di Londra, dove è molto comune vedere.

Se ne vedo uno, come posso distinguerlo?

Una delle cose che aiuta a distinguere questo uccello dal resto dei suoi parenti è il suo aspetto robusto e paffuto. Può essere lungo fino a 40 cm e pesare 600 grammi .

La sua testa è ampia e rotonda, priva di penne nelle orecchie, come accade al gufo cornuto. A differenza del resto dei membri della sua specie, i suoi occhi sono di un solo colore, che può essere nero o di un tono marrone scuro. Il disco facciale che li circonda è semplice, un colore bruno-grigiastro. Ha un forte, acuto e picco di colore giallo verdastro che ti permette di distruggere la preda.

Presenta dimorfismo sessuale, poiché la femmina è più grande del maschio, essendo più larga del 5% e più pesante del 25%. Quando torno, è abbastanza silenzioso, il che lo rende un temibile predatore nel suo habitat.

Esistono molte discrepanze tra il numero di sottospecie che, tuttavia, gli specialisti hanno descritto tra 10? 15 sottospecie:

  • Strix aluco aluco: questa è la sottospecie nominale, che vive al nord e al centro dell’Europa, estendendosi dalla Scandinavia al Mediterraneo e al Mar Nero.
  • Strix aluco sylvatica: risiede nell’Europa occidentale, così come in Gran Bretagna.
  • Strix aluco nivicola: si estende dal Nepal al sud-est della Cina, tra cui la Birmania e la Thailandia.
  • Strix aluco biddulphi: è la sottospecie che risiede in India e Pakistan.
  • Strix aluco willkonski: Si estende dalla Palestina al nord dell’Iran attraverso il Caucaso.
  • Strix aluco maurifanica: risiedere in Africa nord-occidentale, da dove si estende dal Marocco alla Tunisia e Mauritania.
  • Strix aluco sanctinicolai: vive nel nord-est dell’Iraq e nell’Iran occidentale.
  • Strix aluco ma: è la sottospecie che risiede in Cina e Corea.
  • Strix aluco harmsi: vive in Turkmenistan.
  • Strix aluco Siberiae: sottospecie che si estende dal centro della Russia attraverso gli Urali, a ovest della Siberia.
  • Strix aluco yamadae: Live in Taiwan.

L’argomento principale per stabilire una sottospecie è che sono molto diversi dalle specie nominali, prive del colore marrone o grigio che la caratterizza. Inoltre, alcuni esemplari sono più grandi o più piccoli delle specie nominali.

E come vivono?

È un uccello che di solito caccia durante la notte , come il resto dei loro parenti. Da un ramo, sorveglia l’ambiente circostante prima di saltare sulla sua vittima. In rare occasioni è stato visto andare a caccia durante il giorno, tranne quando deve nutrire i suoi piccoli.

La loro dieta è composta da piccoli roditori forestali, come l’arvicola rossa che è una delle loro prede più comuni, ma possono anche cacciare conigli giovani, piccoli uccelli, insetti come lombrichi e coleotteri. Nelle aree urbane tendono a nutrirsi di altri uccelli, come il germano reale e il gabbiano tridattilo. Non è una specie molto tollerante quando condivide il territorio e non può coesistere con altre specie come il gufo o il gufo, che può essere preso in preda. Se ti sposti in un’area in costruzione o in un edificio abbandonato dove nidificano i gufi, vengono espulsi dal territorio.

Il comune bruno possiede dopo aver raggiunto un anno di età, e di solito hanno una relazione monogama. Quando trovano una casa, la coppia difende il territorio in ogni momento, senza espandersi anche se gli anni passano.

Nidificano nell’incavo di un albero, ma possono anche usare vecchi nidi di gazze, scoiattoli, sfruttare le fessure degli alberi o persino in un nido. Nidificano nel mese di febbraio. La femmina può avere fino a quattro uova, che vengono incubate da questo per un mese fino a quando i pulcini nascono che impiegano 40 giorni a svilupparsi , quando le piume escono e possono iniziare a volare.

È una specie abbastanza protettiva, soprattutto con i suoi pulcini. Ne è prova il fotografo Eric Hosking, che ha perso un occhio quando ha provato a scattare fotografie di un esemplare vicino al suo nido. La sua autobiografia avrebbe dato il nome? Un occhio per un uccello? (Un occhio per un uccello). Uno dei tanti esempi che ha dimostrato quanto possa essere violento proteggere la tua casa dalla tua famiglia. Sebbene i pulcini possano già volare dopo un mese di vita, i genitori si prendono cura di loro fino a quando raggiungono i tre mesi, quando lasciano il nido per trovare una casa propria.

Per alcune persone, il gufo comune rappresenta un segno di cattivo auspicio. È così che William Shakespeare lo ha ritratto nel suo lavoro Julio César. Inoltre, fanno parte di diversi miti e leggende. Nella mitologia gallese sono associati a Blodeuwedd, una donna che tradisce Lleu Llaw Gyffes nella storia di Math fab Mathonwy del vecchio Mabinogion. D’altra parte, in Galles, si credeva che se un gufo fosse visto in una delle case del villaggio, significa che una donna aveva appena perso la sua verginità. Nonostante ciò, l’uccello ha trasceso come una delle specie più curiose al mondo.