Skip to content
Uccelli Esotici

Fenicotteri

I fenicotteri sono uno degli uccelli più belli del mondo, allo stesso tempo sono i più peculiari. Avere la fortuna di vederli di persona genera un bel ricordo di questi imponenti animali, così distribuiti in tutto il mondo. 

Com’è un fenicotteri?

I fenicotteri fanno parte dell’ordine dei  fenicopteriformi , sebbene  alcuni di solito li includano nei ciconniformi . I fenicotteri hanno  quattro specie , di cui due si trovano in America e le altre due nel continente europeo e africano.

I fenicotteri  possono raggiungere una lunghezza di 120 cm, raggiungendo un’apertura alare di 140 cm .

La sua testa è piccola, fusiforme e sembra più grande perché del suo enorme becco, semiinclinado. Questo picco ha canalicoli laterali che servono come un colino in modo che l’uccello può ottenere il vostro cibo naturale: zooplancton e fitoplancton.

Il suo collo è lungo e può controllare esso a piacimento, consentendo loro di raggiungere posizioni molto eleganti.

Fenicotteri

Una delle sue principali caratteristiche sono le gambe lunghe, sottili e rossastre che terminano in tre dita frontali unite da una membrana interdigitale e un dito posteriore. L’aspetto è quasi identico in entrambi i sessi, quindi è difficile distinguerli a occhio nudo.

Le sue ali, sempre rosa, hanno remiges ala nera, che dà un aspetto molto bello alla vista.

Quanto può durare un fenicotteri?

La specie di fenicotteri è considerata longeva. Non possono vivere fino a quando un pappagallo o un macaw, ma la media di questi animali in libertà di  solito varia tra 25-30 anni in media.

Tuttavia, i fenicotteri che vivono negli zoo  hanno raggiunto oltre 50 anni  grazie alle cure che ricevono, oltre a non essere in contatto con batteri e altri agenti nocivi che possono danneggiare la loro salute.

E ‘possibile avere un fenicotteri come animale domestico?

Anche se si rivela essere un animale impressionante e che molte persone vorrebbero avere nel loro giardino, indossandolo in uno stagno, è impossibile avere uno di questi animali.

Per cominciare,  è vietato per legge avere un fenicottero come uccello domestico . Secondo, richiede molto terreno e ha tutto ciò di cui il flamenco può avere bisogno per sopravvivere. Infine, è un uccello che richiede cure molto specifiche, alle quali non tutti hanno accesso.

Perché i fenicotteri hanno quella particolare colorazione?

Se c’è qualcosa che fa risaltare il flamenco sopra tutti gli altri uccelli, è il suo particolare e curioso colore rosa. Ma perché queste piume rosa sono così luminose?

Il motivo è semplice: le  alghe fanno parte della dieta quotidiana e contengono una grande quantità di pigmenti carotenoidi.  Grazie a questo, le loro penne ricevono quel tono rosa luminoso, il che significa che il flamenco si nutre bene ed è sano. Inoltre, all’interno della tua famiglia, un flamenco pinker è sempre più desiderabile in coppia.

D’altra parte, nel caso in cui un fenicottero adulto abbia piume bianche o pallide, significa che è malato o che non ha mangiato abbastanza. Solo quando sono piccoli hanno il corpo coperto di piume bianche o grigie.

Qual è il comportamento dei fenicotteri?

I fenicotteri  sono animali molto socievoli , infatti, è la specie di uccello più socievole che esiste. Tutte le loro attività di riproduzione, difesa, ricerca di cibo e altri compiti sono svolte in gruppi.

Di solito vivono vicino a grandi lagune, fiumi, bocche di mare o estuari in cui possono facilmente ottenere cibo. Le colonie possono essere semplicemente 50 membri o raggiungere fino a 20.000 membri. È interessante notare che,  anche se sono un gruppo molto grande, possono essere formati piccoli gruppi all’interno di questa colonia.

Un aspetto molto curioso del comportamento dei fenicotteri è che gli adulti sono lontani dai giovani durante il giorno. I più giovani formano il loro gruppo, non lontano dagli adulti, ma abbastanza lontano da loro per non essere un fastidio nel loro lavoro di ricerca di cibo, imparando tra loro come sopravvivere.  Quando vivono in cattività il loro comportamento non cambia molto, poiché formano gruppi che non superano i 350 membri.

Mentre altri uccelli possono essere molto territoriali e delimitare il terreno che altre specie possono attraversare, il flamenco di solito consente la coesistenza con altre specie, dimostrando quanto sia socievole. Ci sono rari casi di fenicotteri violenti che minacciano altri uccelli.

Osservare il comportamento dei fenicotteri può essere piuttosto divertente, poiché per comunicare tra loro usano gesti diversi. La bandiera del leader è una delle più conosciute, in cui il capo fenicottero della colonia allunga il collo all’indietro, lo raccoglie e poi lo gira da una parte all’altra per dimostrare il suo “primato”. Un altro gesto piuttosto curioso, e molto simile a quello che fanno gli umani, è il saluto delle ali, che è un’interazione amichevole tra loro e permette, inoltre, di vedere i meravigliosi colori delle loro piume. La marcia è un altro dei loro comportamenti comuni. Possono andare in una direzione per un po ‘e poi, rapidamente, andranno nella direzione opposta. Durante questa attività hanno perfetta sincronizzazione e frequenza.

Se non svolgono nessuna di queste attività, allora si nutriranno o mangeranno. In effetti, il  25% della giornata può essere speso per governare le piume , usando una ghiandola con cui secernono olio e ordinano le penne. Inoltre non molto, perché amano sentirsi puliti.

Sono animali con i sensi molto sviluppati, in particolare l’udito,  essendo in grado di ascoltare i suoni a lunghe distanze . I giovani possono riconoscere i suoni dei loro genitori fin dalla tenera età e questi dai loro figli all’interno della colonia, qualcosa di molto importante per la loro comunicazione. La sua visione non è migliore di quella degli esseri umani, ma è ideale per essere in grado di volare correttamente o cercare cibo sott’acqua.

Sebbene ci siano molti zoo che hanno fenicotteri in cattività, ci sono molti gruppi che stanno combattendo per il loro rilascio. Cominciando con la pratica di tagliare le penne primarie delle ali in modo che non possano volare via. Il secondo è perché negli zoo le colonie sono molto piccole e questo può finire per portare problemi. Inoltre, alcuni usano tecniche di inganno? ponendo gli specchi vicino a dove sono i fenicotteri, per far credere loro che ci siano più membri nella colonia.

È vero che in cattività sono meno inclini ad ammalarsi, ma possono finire per soffrire di pododermatite, uno dei più gravi problemi di salute dei fenicotteri che vivono in cattività. Questa malattia è causata da fattori climatici, suolo, ecosistema e due batteri, noti come dichelobacter nodosus e bacteroides necrophorus. Questa malattia provoca lesioni alle gambe di questi uccelli, compresi pulcini e giovani. Se le lesioni subite nelle gambe vengono aperte, ciò consente ai microrganismi dannosi di entrare che possono innescare l’aggravamento dello stato di salute dell’uccello.

Che cosa mangia un fenicotteri?

I fenicotteri hanno una dieta molto completa. Il suo cibo principale sono le alghe,  ma possono anche mangiare pesci di diverse dimensioni e alcuni piccoli crostacei, come i granchi.

Per nutrirsi, riempiono il loro becco di acqua e poi lo espellono, usando la lingua per conservare tutto ciò che potrebbero catturare. Attorno al suo picco ha lamelle corneali, o lamelle, con le quali filtra l’acqua. Guardarli mentre mangiano può essere uno spettacolo, dato che immergono completamente le loro teste nell’acqua, afferrano tutto ciò che possono con il loro becco e poi eseguono il processo di “Casting”? per tenere il cibo in bocca e ingoiarlo.

Negli esemplari più giovani, questo processo di alimentazione viene imparato dai giovani da soli. Un flamenco può impiegare molto tempo per nutrirsi, sebbene sia normale che lo faccia durante la notte.

Una grande peculiarità del processo di alimentazione di un flamenco non è solo la capacità di filtrare l’acqua, ma anche di separare il fango dal cibo che stanno per assumere, di poterlo mangiare completamente pulito grazie al suo picco favoloso .

E come si riproducono i fenicotteri?

Quando arriva la stagione riproduttiva,  i fenicotteri costruiscono i loro nidi con le loro zampe, formando un tumulo tra i 30-40 cm di altezza con il fango , creando un buco al centro, nel quale la femmina depositerà le due uova.

L’incubazione di queste uova dura circa 60 giorni, con sia la femmina che il maschio che si prendono cura del processo.  Per incubarlo, si restringono le gambe sotto il corpo o appese ai lati del tumulo. Quando i pulcini nascono, hanno dei piccoli campioni di piumino bianco che diventano più evidenti con il passare del tempo.

Da quando sono nati, questi pulcini sono nell’acqua e imparano velocemente. Nei loro primi mesi di vita, i genitori guarderanno i propri figli e si prenderanno cura di loro con grande zelo. Nelle prime settimane di vita saranno nutrit dal padre , ma in seguito cercano cibo sulla superficie del lago o del lago. Quando il padre vede che è abbastanza indipendente, il piccione sarà aggiunto al resto dei giovani esemplari della colonia.

Va sottolineato che un flamenco non si riproduce ogni anno. Dopo un annidamento, potrebbero essere diversi anni più tardi fino a quando avrò di nuovo dei bambini.

Perché i fenicotteri dormono su una gamba?

È chiaro che se si pensa ai fenicotteri, il colore rosa verrà subito in mente. Ma hanno un’altra caratteristica che li ha sempre resi molto speciali, allo stesso tempo curiosi: la loro abitudine di dormire su una gamba.

Ti sei mai chiesto come sia possibile per un fenicottero dormire su una gamba? O stai su uno? In effetti, ogni scienziato ha una sua teoria sul perché lo fa, ma uno studio recente potrebbe aver fornito la chiave per spiegare questo fatto.

Le loro gambe sono una parte molto importante del loro corpo e lo studio ha dimostrato che i fenicotteri sono animali in grado di mantenere l’equilibrio senza sforzo. Mentre una persona ha bisogno dei muscoli della colonna vertebrale, delle gambe, del collo? Al fine di mantenere l’equilibrio, i fenicotteri non hanno questo problema.

Fenicotteri

Per scoprire come l’hanno fatto, il gruppo di scienziati ha usato due esemplari morti da uno zoo. Uno di loro è salito su una gamba con l’aiuto di alcune pinze per verificare se fosse in grado di mantenere l’equilibrio. Ed è stato. L’altro corpo è stato usato per investigare i muscoli di questo e come agiscono. Così,  il gruppo di scienziati ha scoperto che i flamencos non solo sono in grado di bilanciare passivamente su una gamba, ma lo fanno spendendo la stessa energia come se li usassero entrambi.

Ma qual è il trucco? Sembra che l’intero segreto risieda nel peso dell’uccello. Quando viene posizionato su una gamba, il flamenco blocca le gambe in una posizione specifica . A questo scopo utilizza una serie di muscoli e legamenti che impediscono il movimento destabilizzante dell’animale, senza che debba usare un altro muscolo, che è noto come “dispositivo di arresto”.  Questo è possibile solo quando la gamba dell’animale è al di sotto del suo corpo, adottando questa posizione naturalmente. Grazie a questo, il flamenco non deve fare uno sforzo consapevole per mantenere l’equilibrio, perché la sua gamba è pronta a prendersi cura del lavoro.

L’altra teoria che viene mescolata è quella della termoregolazione . Quando siamo in contatto con l’acqua, perdiamo calore corporeo più rapidamente, fino a 25 volte più velocemente secondo alcuni esperti. Ad esempio, se immetti la mano nell’acqua, perderai tutto il calore corporeo come se fossi al collo. Pertanto si stima che i fenicotteri immergano una delle loro gambe nell’acqua e l’altra la mantenga nell’aria, in modo che possano risparmiare la perdita di calore.

Controproducenti non sono Backup. Per gli altri, l’uso di una sola gamba, con l’altra piegata, può aiutare a ridurre lo sforzo del cuore per riportare il sangue dalle parti inferiori. Un’altra proposta è che avere una sola gamba in vista servirebbe da elemento di mimetizzazione , specialmente quando stanno riposando con il collo ridotto e la testa nascosta tra il piumaggio, che dà loro l’aspetto di un cespuglio rosa. Un’altra delle teorie più famose è che durante il sonno dormono con metà del cervello , come leoni marini o altri tipi di uccelli, come i migranti che possono dormire mentre volano.

Qual è la situazione attuale dei fenicotteri?

Di fronte alla grave situazione vissuta da altri uccelli, come alcune specie di gufi, aquile o colibrì, il fenicottero non è una specie in pericolo di estinzione.

Le più grandi colonie di questi animali vivono molto lontano dalle prestazioni dell’uomo e le persone sono molto più consapevoli del perpetuarsi di questa specie rispetto ad altri uccelli. Infatti, quando vengono costruite strade o strade, si presta molta attenzione a non farlo vicino ai mezzi di sostentamento di questa specie.

Un altro grande esempio di cura di questi uccelli, anche se è qualcosa di molto raro che accade, è che quando una persona compra una terra, se i fenicotteri vivono in essa, è dovere del proprietario terriero di prendersi cura di loro, qualcosa che si realizza in più del 90% dei casi. Anche quelli che vivono negli zoo sono molto ben curati e nutriti.

Molti gruppi hanno aiutato i fenicotteri a vivere in tranquillità senza doversi preoccupare delle prestazioni dell’uomo, mantenendo il loro habitat al sicuro o dando loro tutto ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere. Così come si prendono cura di loro nel caso in cui una copia è ferita, prendendosi cura di esso fino a quando non è completamente recuperato.

Vuoi sapere altri motivi per cui non puoi avere un fenicottero?

Se una persona vede che ci sono fenicotteri che vivono in una delle loro terre, nella loro laguna o in un giardino, dovranno rassegnarsi e lasciare che siano. Tuttavia, ci sono molte ragioni per cui questi uccelli sarebbero migliori nel loro habitat naturale.

  • Per iniziare è il cibo. In natura, dove vivono, il cibo è abbondante e si rigenera rapidamente. Tuttavia, in un ambiente chiuso come un parco o uno zoo questo è scarso e può causare la fame dell’animale.
  • Vivere in un ambiente diverso influisce sulla loro riproduzione. Per la sua riproduzione hanno bisogno di pioggia, soprattutto per costruire il nido con il fango. In luoghi dove c’è poca pioggia, raramente si riproducono.
  • Sebbene possa sembrare che in cattività possa essere più sicuro e privo di malattie, i fenicotteri in natura sanno molto bene come prendersi cura di batteri e malattie. In cattività ci sono poche persone che saprebbero cosa fare quando un fenicottero si ammala.
  • In cattività hanno pochissimo spazio per muoversi liberamente. Sebbene siano uccelli socievoli, è normale che i giovani siano un po ‘lontani dai loro genitori. Altrimenti, potrebbero arrabbiarsi e diventare un po ‘violenti.
  • Non avendo accesso a così tanto cibo, e questo potrebbe non essere di buona qualità, perderai la colorazione rosa delle tue ali e ti ammalerai.