Skip to content
Uccelli Esotici

Pappagallo argentino

Perché stai dando così tanti giri al tipo di uccello che dovresti avere come animale domestico? In realtà è abbastanza semplice, perché i pappagalli sono le migliori specie esistenti. Inoltre, se ti piace un uccello che è rumoroso e non si ferma tutto il giorno, niente di meglio del pappagallo argentino.

Cosa si sa della sua origine?

Anche se è noto come il pappagallo argentino, la verità è che il suo nome internazionale è quello del monaco pappagallo o del pappagallo del verderame , mentre il nome scientifico è quello di myiopsitta monachus .

È distribuito naturalmente in tutto il Sud America, essendo abbastanza diffuso in Bolivia, Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay. Con grande successo è stato raggiunto che è anche in paesi come Cile, Canada, Stati Uniti, Messico, Francia, Spagna, Italia e altri paesi del continente europeo, essendo molto comune come animale domestico.

Cosa possiamo dirti del suo aspetto?

È un piccolo uccello all’interno della famiglia dei cacatua, poiché misura tra i 28? 31 centimetri di lunghezza e pesa circa 130 grammi . Normalmente, il colore della penna è di un tono verde brillante, con le ali blu-verdi. La fronte e le guance, così come la gola, il petto e la pancia sono di un tono grigio chiaro . La coda è lunga e termina in una punta, verde come il colore verde del tuo corpo. Al contrario, le sue gambe sono di colore grigio e il becco ha un tono ocra.

Ha una grande adattabilità ai repentini cambiamenti ambientali, oltre ad essere animali molto intelligenti . Quando vivono in libertà, di solito vivono in gruppi socievoli, costruendo nidi nella massima altezza possibile, di norma sugli alberi . È l’unico membro della famiglia di pappagalli a fare nidi con rami.

Per quanto riguarda l’essere umano, è stato un uccello molto apprezzato per la sua bellezza e perché, grazie alla sua grande intelligenza, è molto difficile guadagnarsi la sua fiducia. Puoi lasciarlo in giro per casa o abituarlo a fare piccole passeggiate fuori dalla sua gabbia senza grossi problemi, in modo che in seguito ritorni alla sua gabbia per mangiare. Il suo più grande problema è che potrebbe essere piuttosto rumorosa, ma dal momento che può imparare a vocalizzare e imitare le parole, è molto apprezzata da questo aspetto.

Oltre alle specie nominali, sono state riconosciute altre tre sottospecie:

  • Myipsitta monachus calita: Si estende dal sud della Bolivia ad ovest dell’Argentina. La sua dimensione è un po ‘più piccola, raggiungendo un massimo di 27 cm. Il becco è più piccolo e non ha il colore bluastro della testa, anche se un po ‘nella zona della pancia.
  • Pappagallo Myiopsitta monachus: Si estende dal sud della Bolivia al Paraguay e al nord-ovest dell’Argentina, e ci sono anche alcuni esemplari in Brasile. Misura 27 cm di lunghezza, con un colore verde più luminoso e un ventre meno giallastro.
  • Myiopsitta monachus luchsi: Vive nelle valli xeriche della Bolivia, ed è conosciuta come lorita boliviana, essendo una popolazione abbastanza isolata con un piccolo numero di esemplari. Misura 30 cm e il becco è stretto, con un colore grigio pallido.

Se la scelgo come animale domestico, cosa c’è da sapere per prendersi cura di lei?

Per cominciare, è una specie granivora , cioè si nutre di semi di piante, sia selvatiche che coltivate. La cosa normale è che gli piacciono molti semi di cardo, ma ama anche il sorgo, il mais e il riso. Inoltre, consuma frutta, fiori e alcuni insetti nella loro fase adulta, così come le larve.

La cosa normale è nutrirlo sulla base di verdure e qualche altro frutto, ma, a volte un po ‘speciale, è stato anche visto nutrirsi di carne di animali morti. Qualcosa che non è consigliabile dare quando vivono in cattività.

Devi ricordare che la tua gabbia deve essere abbastanza ampia . Anche se il più raccomandato dagli uccelli che fanno parte della famiglia dei pappagalli è che hanno una grande voliera in cui vivono con altri uccelli, dal momento che non è solitamente violento con altre specie, tranne durante il caldo.

Non c’è modo di determinare il sesso del campione, poiché non presenta dimorfismo sessuale, a meno che non sia attraverso un test del DNA. Inoltre, il processo di riproduzione di un pappagallo argentino è qualcosa che deve essere lasciato nelle mani di allevatori che hanno già una certa esperienza nel campo.

Per quanto riguarda il lasciarla in giro o no, dato che appartiene alla famiglia dei pappagalli, raramente cercano di fuggire da casa, quindi non ci sono molti problemi e lei può essere cresciuta in libertà fin dalla sua giovinezza.