Skip to content
Uccelli Esotici

Cigno

Cigno
Il cigno è un animale bello e snello. Un uccello di categoria che molti vorrebbero avere come animale domestico. Tuttavia, i cigni sono animali molto delicati e prendersi cura di loro richiede molto sforzo e denaro. Vuoi sapere come prendertene cura?

Tipi di Cigno

Puoi davvero avere un film per animali?

All’inizio può sembrare un’idea un po ‘folle, ma la verità è che è possibile. Infatti, in Europa, ad esempio, il cigno  è stato un animale domestico dal XIII secolo , attirando l’attenzione dei nobili per la sua grande bellezza. I nobili inglesi erano quelli che più volevano avere questo uccello come animale domestico nei loro giardini.

Nel corso degli anni il cigno ha cessato di essere un animale considerato un simbolo di classe sociale e potere economico,  diventando di nuovo di moda negli ultimi anni . Ciò ha portato molti a scegliere di avere questo uccello come un uccello domestico.

Tuttavia, non tutti decidono di avere un cigno come uccello domestico. Una persona alla ricerca di un cigno come animale domestico deve acquistarlo da un allevatore specializzato, oltre ad avere il territorio giusto per l’uccello. Tuttavia,  molte volte i cigni stabiliscono la loro casa in stagni o lagune nei giardini di una persona.

Se questo è il caso,  la legge stabilisce l’obbligo della persona di prendersi cura e proteggere i cigni  che svolgono tale azione, dal momento che avranno deciso che questa sarà la loro nuova casa, in modo che diventino animali domestici indiretti.

 

Quanto vive di solito un cigno?

I cigni sono una specie di uccello con  un’aspettativa di mezza vita . Quando vengono rilasciati, la loro aspettativa di vita è raramente superiore a 10 anni, tra le altre ragioni, a causa della caccia e dei predatori.

Tuttavia, quando vivono in cattività, con la dovuta cura,  la media aumenta da 13 a 20 anni , con casi molto rari di alcuni che hanno raggiunto i 25 anni di età.

Tutti i cigni sono uguali?

C’è il malinteso popolare secondo cui tutti i cigni sono uguali, e non è vero. Ci sono  più di una dozzina di specie di cigni  nel mondo, ciascuna con le sue caratteristiche che le rendono uniche.

È vero che, come regola generale, i cigni sono completamente bianchi, ma c’è anche il  cigno nero il  cui piumaggio è completamente scuro o  il collo nero , che ha solo l’area del collo di colore scuro. Così come ci sono alcune specie di cigni che possono essere differenziati dalla colorazione del loro becco.

Ciò che la maggior parte delle specie condivide è la loro dimensione, dal momento che un cigno  è tra 1 e 1,5 m di lunghezza e pesa circa 8-10 kg.  Oltre a ciò non presentano / mostrano dimorfismo sessuale nel loro piumaggio, motivo per cui il sistema che viene utilizzato per distinguere il maschio dalla femmina è che questo è meno pesante e misura meno.

È interessante notare che esiste una sorta di cigno, noto come oca di cigno, che non è stato ancora deciso se si tratta di un cigno o di un’oca, anche se di solito è incluso nella categoria del genere Cygnus.

Qual è l’habitat ideale per i cigni?

Contrariamente a quanto accade con alcuni uccelli acquatici, come alcune specie di anatre, è crudele ed è assolutamente vietato per legge avere un cigno in un appartamento o appartamento. Chiunque desideri avere questo animale come animale domestico ha bisogno di:

  • Un buon giardino
  • Un laghetto di almeno 100 metri quadrati nel caso abbiate un partner.
  • Un rifugio in cui rifugiarsi di notte.
  • Un’isola centrale, in cui sicuramente depongono le loro uova.
  • Fate in modo che le rive dello stagno siano ben piantate con verdure acquitrinose, con un’area di atterraggio con erba mista di erba ragia, poa e festuca.

I cigni  trascorrono la maggior parte della loro vita nell’acqua , fluttuando da una parte all’altra. In effetti, molte specie di cigni dormono nell’acqua. Come regola generale, ne emergono solo quando riproducono e incubano le uova, che di  solito si basano sulla vegetazione nell’acqua.

Quando hai i cigni e escono dall’acqua in giardino a fare una passeggiata, non è strano vedere che hanno difficoltà a camminare, dal momento che non sono abituati a usare le gambe fuori dall’acqua.

È un uccello migratore?

Sì, la maggior parte delle specie di cigni  sono uccelli migratori  che cercano climi più temperati durante i mesi invernali. Ecco perché non è strano vedere che in alcuni parchi e giardini questi uccelli vengono lasciati soli durante i mesi invernali.

Ecco perché è così importante che se vuoi avere questo uccello come animale domestico hai un rifugio come rifugio per loro, ben acclimatato per poter resistere al freddo della notte. Si abitueranno e così non avranno bisogno di andarsene.

Qual è il carattere di un cigno?

Come regola generale, i cigni sono  animali molto affettuosi e raramente tendono ad essere aggressivi nei confronti degli umani . All’interno del loro ambiente vivono abitualmente in branchi, anche se a seconda delle specie possono essere più o meno membri.

Tuttavia, quando i cigni sono nella loro stagione riproduttiva, è consigliabile non avvicinarli. Il maschio in particolare diventerà molto violento per proteggere la sua femmina e giovane, quindi devi stare molto attento.

È una specie generalmente monogama, quindi una volta stabilita la coppia durerà fino a quando uno dei due muore. Una volta che questo è accaduto, come regola generale il cigno cercherà un nuovo partner, anche se potrebbe finire per decidere di rimanere da solo per tutta la vita.

Cosa mangiano i cigni?

L’alimentazione di un cigno è abbastanza varia. Include  piante acquatiche e praterie, come il plancton, le lumache, i piccoli anfibi e altre prede viventi come alcune specie di piccoli pesci.

In generale, coloro che vivono in cattività sono farina di semola nutriti arricchita con pesce o crostacei, piante acquatiche che dovrebbero essere nello stagno e animali che possono interferire. E ‘meglio utilizzare i periodi di riposo, in modo che il laghetto può recuperare le piante sommerse.

Guardarli mentre mangiano può essere piuttosto uno spettacolo, come lo è con i fenicotteri. Per ottenere il cibo dal fondo dello stagno,  il cigno si ferma su questi, sulla superficie dell’acqua, e inizia a muovere le gambe ad alta velocità, ma senza spostarsi dal sito.  Quel movimento rapido delle loro gambe fa sì che la terra intorno alle piante si separi fino a quando le radici non hanno una presa debole. Quindi l’animale sommerge la testa, approfittando del suo lungo collo e afferra gli argenti. Hanno un sistema molto simile a quello dei fenicotteri e delle anatre per filtrare l’acqua nel loro becco, il che significa che finiscono per mangiare il cibo che stavano cercando.

Cosa si deve fare per riprodurre una coppia di cigni?

In realtà, nulla dovrebbe essere fatto. Se hai un paio di cigni nello stagno, non devi preoccuparti troppo, si riprodurranno.

Come regola generale,  una coppia si riproduce con l’arrivo della primavera boreale . Il nido è costruito in un’isola nello stagno o sulla riva di questi, sulla vegetazione, sfruttando anche alcune piume dei genitori.

La deposizione delle uova è variabile in base alla specie, ma in media si tratta di circa cinque o sei uova. La madre è responsabile del processo di incubazione , mentre il padre ha il compito di garantire che nessun predatore si avvicini al nido, compresa la presenza di esseri umani.

Dopo circa 25 giorni, alla fine nasceranno i pulcini. Come con le anatre, due o tre giorni dopo la loro nascita iniziano già a nuotare con la madre vicino allo stagno.  Ma sono ancora troppo piccoli per ottenere il loro cibo, quindi i genitori sono quelli che li nutrono. Dopo due settimane di vita, sono in grado di ottenere il loro cibo. Ma non possono volare almeno fino a tre o quattro mesi.

Una particolarità molto particolare  dopo la riproduzione e l’incubazione delle uova, è che i cigni, sia maschi che femmine, perdono parte del loro piumaggio  nel processo e apportano un cambiamento alle nuove piume dopo aver trascorso un mese.

È possibile che un cigno abbia delle malattie?

I cigni non sono esenti da malattie. Tuttavia, ci sono pochi che sono noti in relazione a questa specie poiché oggi ce ne sono pochi che li possiedono realmente come animali da compagnia.

Il più comune è che sono  attaccati dagli endoparassiti , che distruggono alcune popolazioni di cigni. Se un cigno viene attaccato da uno di questi parassiti, ha bisogno di cure veterinarie immediate.

Un’altra cosa comune è la rottura di una gamba, specialmente dal movimento che fanno quando vogliono procurarsi il cibo, un’ala o danneggiare l’area del collo per immergersi per cercare di procurarsi del cibo.

Il cigno e l’essere umano

Il cigno è sempre stato  un uccello strettamente imparentato con l’essere umano . Sebbene il suo addomesticamento in Europa non abbia raggiunto il tredicesimo secolo, in alcuni paesi orientali è sempre stato un uccello da compagnia nei grandi templi o castelli di regalità.

Ma il suo rapporto con l’essere umano non è solo focalizzato sull’essere un uccello domestico, ma nella cultura popolare è anche molto famoso:

Secondo la mitologia greca, il cigno era sacro ad Apollo, tra le altre cose considerate come la divinità di uccello musica. Il motivo? Si credeva che prima di morire cigno cantava melodiosamente, a quale  Pitagora  ha detto che questo uccello simile ad un’anima che non muore mai e la sua canzone prima di morire viene dalla gioia per esperienza, perché si sarà liberato dal suo corpo mortale.

Si riferiscono anche alla dea Venere nella mitologia romana, per il suo meraviglioso candore. In alcune opere d’arte, il cocchio di Venere viene trainato da Cigni.

La moneta commemorativa dell’euro irlandese che è stata coniata nel 2004 ha mostrato un cigno muto per commemorare l’adesione dei 10 nuovi stati membri, mentre in Danimarca il cigno reale  è considerato come l’uccello nazionale dell’anno 1984, sostituendo l’allodola.

La più grande popolarità di questo uccello è arrivata con la storia del brutto anatroccolo di  Hans Christian Andersen , in cui racconta la storia di una razza di cigni muti abusata dal resto dei suoi fratelli per la loro diversa apparenza.

Attualmente, la monarchia britannica mantiene il diritto di proprietà di tutti i cigni selvatici che non sono stati etichettati in acque aperte. Tuttavia, la  regina Elisabetta II  esercita questa proprietà solo in alcune sezioni del Tamigi e dei suoi affluenti circostanti. Questa proprietà è condivisa con le aziende di viticoltori e tintori, che sono stati concessi i diritti di proprietà della corona nel XV secolo.

Nel  giardino pubblico di Boston  ci sono due esemplari di cigno a cui fu deciso di chiamare Romeo e Julieta, dal famoso paio di opere di Shakespeare, anche se in seguito si scoprì che erano entrambe femmine. Ma sono già rimasti con quel nome.

L’opera popolare di  The Dance of the Swans  rappresenta il grande apprezzamento che l’autore ha avuto per questi uccelli, perché alla fine del lavoro entrambi i protagonisti diventano cigni.

È una specie in pericolo?

È difficile determinare se il cigno è minacciato in questo momento o al contrario è una specie stabile. In alcune aree, la CITES ha determinato che è minacciata e l’ha incorporata nella lista rossa IUCN.

È una specie che  affronta pericoli continui su base giornaliera , e non solo a causa dei predatori che può avere. Per cominciare c’è avvelenamento da rame e piombo, entrambi elementi che sono molto presenti nei prodotti che vengono utilizzati per pescare e che contaminano l’acqua su cui si muovono dopo che i cigni.

In alcune aree alcune specie di cigni sono state costrette a trasferirsi in un altro luogo perché la maggior parte del loro habitat è stato distrutto o perché i laghi e gli stagni sono stati contaminati dallo scarico di rifiuti. E anche se attualmente sono altamente protetti, anche la caccia illegale rimane una delle loro principali minacce.

Pertanto, le sue principali minacce potrebbero essere riassunte come segue:

  • Inquinamento da petrolio
  • Avvelenamento con rame e piombo
  • Run-in da motoscafi e automobili (questo è meno frequente)
  • parassiti
  • Ami da pesca e nylon
  • Animali randagi come cani, gatti e volpi
  • Scontri con altre specie attraverso il territorio

Qualcos’altro da sapere prima di scegliere il cigno come animale domestico?

Prendere la decisione di avere un cigno come animale domestico è abbastanza serio. Devi solo chiedertelo: è davvero l’uccello che vuoi avere come uccello domestico? Ma avere un cigno come animale domestico può essere molto buono.

Per i principianti, se hai bambini piccoli, ti aiuterà a capire meglio perché devi prenderti cura della natura e proteggerla guardando questi uccelli. È interessante notare che i cigni di solito sono molto bravi con i bambini piccoli e tendono ad avvicinarsi a loro.

Con i cigni puoi nuotare vicino a loro. Ovviamente, non fare nulla che possa renderli nervosi, come schizzi o salti per tuffarsi nell’acqua. Tutto ciò li infastidisce molto e li rende piuttosto aggressivi.

Ricorda che i cigni sono una specie a cui piace vivere in compagnia. Quindi se hai intenzione di avere questo uccello domestico assicurati di acquisire un partner. Grazie a questo il cigno non si sentirà solo e sarà molto felice.

Trascorrere il pomeriggio a guardarli nuotare da un posto all’altro può essere molto rilassante per dimenticare lo stress. Potresti abituarti a passare un po ‘di tempo ogni giorno con i cigni che li alimentano con la mano e sicuramente dimenticherai tutto ciò che ti ha travolto durante il giorno.